Alessandro Oliani La Guerra delle acque. Visualizza ingrandito

Alessandro Oliani La Guerra delle acque.

978- 88-96183-27-4

Nuovo prodotto

L’Oltrepò mantovano, il Ferrarese e il Modenese nei secoli XVI-XVIII.

Formato: 17x24. Pag. 166. Ill. B/N. 

Tiratura 2013, 500 copie.

Maggiori dettagli

113 Articoli

14,00 €

Abstract

Tra Mantova, Modena e Ferrara la “diatriba” inerente l’uso, lo scolo e il possesso delle acque ha origine antica; questo volume analizza sulla base di documenti storici questa disputa e ne studia i pesanti risvolti. Con occhio attento ai paleoalvei e all’evoluzione del corso d’acqua che ha originato l’attuale situazione.

E’ il governo del territorio e, quindi delle acque, l’argomento del volume che Alessandro Oliani dedica a quel lembo di pianura padana compresa fra la Bassa Reggiano-Modenese, l’Oltre Po’ Mantovano e il Ferrarese.

Quando, nell’Italia dei secoli scorsi, l’agricoltura era la principale fonte di ricchezza e di cibo per le genti, i mezzi e le pratiche agronomiche non riuscivano a incrementare i raccolti come accade oggi e il capriccio degli elementi naturali e metereologici era molto più incidente. Se invece, attualmente, è il cambiamento climatico a modificare la fertilità di una parte, purtroppo, sempre maggiore della Terra, nei secoli passati, erano soprattutto il regime delle acque e l’andamento climatico a garantirne l’esistenza. Anche nella paludosa pianura Padana, fiumi e canali solcavano boschi, campi, prati in modo molto più irrequieto talora dirompente, a volte sbriciolando argini e inondando valli e centri abitati, ma consentendo anche la vita della gente e dei campi. Oliani partendo dalla sua tesi di laurea, analizza e studia attraverso documenti d’archivio e fonti inedite il rapporto uomo-ambiente in un decorso temporale che dal XVI secolo si spinge fino al XVIII. Così canali di bonifica e opere irrigue, si scopre essere state oggetto di vicende diplomatiche fra le corti Estensi, Farnesi e Gonzaghesche, a cavallo del Grande Fiume.

Aiutano il lettore mappe e disegni che illustrano il comprensorio emiliano – romagnolo trattato nel libro, ricostruendone i paleo alvei e le reti idrografiche antiche, oltre ai paesaggi che essi intersecarono.