Volume V, 2007 Visualizza ingrandito

Volume V, 2007

Nuovo prodotto

Formato: 17x11. Pag. 112. Ill. B/N. Documenta V, documenti di storia e territorio locale.

Tiratura 2007, 700 copie numerate.

Maggiori dettagli

180 Articoli

10,00 €

Abstract

Quattro i contributi: 1556. Accordo fra i Signori per le acque. La Bonificazione Universale; 1783. Campi, fosse e acque. La Convenzione di Gonzaga; 1801. Il Po minaccia e fa paura. La relazione Assalini; 1821. L’Enza confine internazionale, fra Parma e Mode­na. Il Trattato di Reggio. Sulla Capitolazione di Gonzaga leggiamo "Per  conciliare all’amichevole non solamente le controversie che da gran tempo sussistevano fra le Contea di Rolo e lo Stato Modenese né Territori limitrofi di Novi e Fabbrico, ma quelle eziandio nate dopo la di lei unione al Ducato di Mantova colli Territori pure Modenesi di Carpi e Correggio in materia de’ rispettivi confini, si degnarono Sua Altezza Reale il Serenissimo Arciduca Ferdinando, Governatore e Capitano generale della Lombardia Austriaca per parte del Mantovano con decreto delli 6 7mbre p.p. e Sua Altezza Serenissima il Signor Duca di Modena per parte de’ detti suoi Stati con simile decreto del 14 9mbre corrente di nominare i rispettivi Ministri autorizzandoli all’opportuna trattativa su tali Territoriali pendenze

Quindi unitisi in questo luogo di Gonzaga li sottoscritti Signori  Conte Carlo Ottavio di Colloredo, Ciamberlano di Sua Maestà Imperiale Reale Apostolica e Consigliere del Regio Ducal Magistrato Camerale di Mantova e Regio Sindaco fiscale Don Giambatta Barbi per la parte Mantovana e li parimenti sottoscritti Illustrissimi Don Giambatta Centi Consigliere nel Supremo Consiglio di Giustizia ed avvocato Don Giuseppe Simoncini Sindaco fiscale Ducale per la parte Modonese presi in considerazione tutti li punti di controversia sentiti li rispettivi Ingegneri SSig.ri Giuseppe Bisagni primo Ingegnere Camerale di Mantova e Gian Francesco Zannini Ingegnere di Modena ed esaminate le reciproche ragioni si sono combinati nella Convenzione portata dagli infrascritti Capitoli, da sottoporsi all’approvazione delle rispettive autorità2.