Alberto Cenci Contrabbandieri e dogane tra Emilia e Toscana, vol. I Visualizza ingrandito

Alberto Cenci Contrabbandieri e dogane tra Emilia e Toscana, vol. I

Nuovo prodotto

Formato: 17x24. Pag. 152. Ill. B/N.

Tiratura 2002, 600 copie numerate

Maggiori dettagli

33 Articoli

14,50 €

Abstract

L’Appennino tosco-emiliano viene qui osservato da un punto di vista economico, sociale e territoriale. Le allora, montagne Estensi di Modena, Reggio Emilia, Lunigiana e Garfagnana sono “riproposte” in questo volume attraverso i documenti d’archivio nel periodo che va dall’Ancien regime all’Unità d’Italia, passando per l'ultimo dominio Austro Estense, con tante fonti inedite. L’indice annovera:

Una ricerca, durata quattro anni, negli archivi di stato di Modena, Reggio, Parma e Massa Carrara, ci porta a conoscere il confine, internazionale, tra il Reggiano Estense e il Parmense. Dal Po di Mezzani-Brescello-Viadana, al crinale appenninico del Lagastrello - Cerreto - Fivizzano. Dal periodo Napoleonico all’Unità italiana. Su tracciati, ponti, boschi e valli, con merci di frodo e dazi da non pagare, tra fughe precipitose con abbandono del carico sospetto e agguati dei finanzieri, nel periodo 1803-1859, tra ricettorie e dogane lungo percorsi inerpicati tra l’Appennino antico e gli abiati oggi profondamente cambiati. Tra misure di prevenzione all’espandersi del cholera e screzi di genti confinanti, che sconfinano dalla storia alle memorie antiche dei versanti.  

La ristampa 2013 (fatta in occasione del decennale della morte del professor Rombaldi) ha arricchito ed approfondito la ricerca iniziale con nuove notizie e documenti d’archivio ancora sconosciuti. 

Prefazione di Marzio dall'Acqua.