Francesco IV d’Austria Este  - Giornale dei Viaggi I Visualizza ingrandito

Francesco IV d’Austria Este - Giornale dei Viaggi I

88-901518-8-9

Nuovo prodotto

1816-1818. Dal Reggiano, attraverso la Lunigiana fino a La Spezia e da Modena a Firenze attraverso la Garfagnana

Formato: 16x11,5. Pag. 120. Ill. B/N. 

Tiratura 2005, 700 copie numerate.

Maggiori dettagli

118 Articoli

9,00 € tasse incl.

Abstract

 

Francesco IV (1779-1846) è il Sovrano che governa il Ducato Estense, dopo il periodo napoleonico. Attento amministratore, viaggia per conoscere le realtà socio-economiche dei territori locali dentro (e fuori) il suo Ducato. Sua Altezza annota e riporta caratteristiche dei luoghi e delle persone incontrate, facendoci anche capire la mentalità dell’epoca di quella classe regnante e il “quadro” sociale in cui essa agiva. Eccolo in Lunigiana: “Giunsimo alla cima del monte Tea verso 1 ora dopo mezzodì, la salita è dolce, non v’è vera strada, ma il monte è incolto a pascolo senza bosco onde si passa dappertutto. Sulla cima ci fermammo un poco a vedere la bella vista, dominando il paese di Minucciano, parte della Lunigiana e si vede fino al mare verso Sarzana e la Spezie. Di là scesimo più d’un quarto d’ora a piedi per una strada ossia sentiero sassoso, erto e cattivo, facendo andar a mano i cavalli e così giunsimo ad Albiano alle ore 1 ½ che è circa 1 miglio dalla cima del Monte Tea ed in un piccolo villaggio Lucchese, della Podesteria di Minucciano. Da Albiano continuammo ancora per un miglio lungo il fiumicino l’Auletta, che nasce dai monti di Tea e sbocca nella Magra, presso Aulla, e giunsimo alle 2 ore al villaggetto detto Pieve Vinacciara, ove comincia il confine Toscano della Podesteria di Fivizzano e che è al fiumicino Auletta il quale porta molta e grossa ghiaia e la strada va fra la ghiaia nel letto del fiume. Onde cambiati cavalli subito, andammo pel letto e per la ghiaia del fiume Auletta, che corre tortuoso fra colline o monti a bosco, in stretta valle. Ivi tornò a Castelnuovo il Governatore, Marchese Giuseppe Molza che era con noi”, poi va in Garfagnana e raggiunge Firenze.